ALIMENTAZIONE




PREMESSA - Per un accrescimento normale e per condurre una vita fisicamente e mentalmente attiva è necessaria un’alimentazione adeguata a:
• Fornire l’energia occorrente per:
a) compiere le normali attività fisiologiche,
b) mantenere costante la temperatura corporea,
c) produrre lavoro.

• Apportare le sostanze necessarie per
a) la crescita corporea,
b) riparare le perdite che si verificano nel corso delle normali attività.
• Fornire le sostanze che regolano i processi fisiologici che si svolgono nell’organismo


Il FABBISOGNO ENERGETICO rappresenta la quantità di calorie necessarie per coprire le perdite giornaliere nell’individuo, esso viene soddisfatto con l’ossidazione dei glucidi, dei lipidi e secondariamente dei protidi.

PESO e COMPOSIZIONE CORPOREA influenzano il metabolismo a riposo. Dal peso dipende l’energia necessaria per spostare sia il corpo intero, sia per una parte di esso. La composizione corporea incide sul fabbisogno quotidiano, ad esempio il tessuto adiposo è poco attivo metabolicamente.

Anche l’ETA’ influenza il fabbisogno energetico. Infatti durante il periodo di massimo accrescimento, attorno al primo anno di vita, il metabolismo basale oscilla intorno a 75 Kcal per chilogrammo di peso corporeo, per diminuire gradualmente, fino a valori di 25-30 Kcal per chilogrammo necessarie nell’individuo adulto.

Il CLIMA è un altro fattore discriminante. Si ritiene che nei paesi caldi il fabbisogno energetico sia minore rispetto ai paesi più freddi. Perché in questi ultimi è maggiore il consumo di energia allo scopo di mantenere normale la temperatura corporea.

L’ATTIVITA’ FISICA influenza notevolmente il consumo energetico. Si va un minimo di 0,9 – 1,08 Kcal al minuto quando si sta a letto, ad oltre 10 kcal al minuto in attività lavorative molto pesanti o in alcune discipline sportive.

GRAVIDANZA ED ALLATTAMENTO incidono sul fabbisogno, dovuto allo sviluppo del feto e degli annessi per l’incremento del peso corporeo della madre e nell’allattamento