ARTICOLI - ALLENAMENTO



AVVERTENZA - I contenuti degli articoli di questa sezione non hanno valore prescrittivo, ma solo informativo e culturale. Tutti i nostri consigli e suggerimenti vanno sempre sottoposti all'approvazione del proprio medico.


dolori colloAllenamento. Preparazione fisica agli sport di squadra

Un’atleta che si allena due volte la settimana e gioca la domenica, ha la necessità d’integrare la preparazione fisica specifica, con un programma di muscolazione generale da svolgere in palestra.

Tra prestazione e prevenzione il beneficio di questo tipo di attività è duplice:
- si migliora la performance
- si prevengono gli infortuni

L'allenamento della forza non influisce negativamente sulla velocità e non riduce la resistenza.
Lo scopo è, in ogni caso, di fortificare i muscoli e non di aumentarne la massa.
Le sedute con i pesi "educano" il muscolo a utilizzare tutte le fibre e sfruttare al massimo le proprie capacità.
Un muscolo più forte si infortuna di meno e protegge meglio le articolazioni a rischio (ginocchio, caviglia, spalla).

Preparazione fisica sport di squadra - Come procedere con il lavoro.
In base ai risultati della stagione passata, al rendimento durante il campionato, alla comparsa di dolori muscolari cronici o di piccoli infortuni, alla presenza in campo durante il gioco, (…) occorre pianificare un lavoro di muscolazione individualizzato.
- Il programma deve necessariamente essere globale ed interessare “tutti i muscoli del nostro atleta”, in un secondo tempo, le esercitazioni diventano più specifiche, con sostanziali modifiche nella modalità di esecuzione, nei recuperi, nell’intensità…
- Bisogna essere regolari, tre o quattro volte al mese non allenano, lasciano solo i muscoli indolenziti. Occorrono due sedute la settimana per ottenere risultati
- Evitare le sedute più intense nei due giorni che precedono la partita
- Attenzione! Le prime volte si potrebbe avvertire un senso di pesantezza durante gli allenamenti con la squadra o durante le partite. Pazienza
- Effettuare sempre un buon riscaldamento prima di cominciare con il lavoro vero e proprio. Vogatore, step, tapis.
- Potete iniziare con la classica 3 o 4x10-12 con 1-2’ di recupero tra le serie e 3-4’ di riposo tra un tipo di esercizio e l’altro
- Effettuare la prima serie di ogni esercizio con carichi ridotti del 40% rispetto il carico di lavoro
-  Alla fine della seduta, eseguire almeno dieci o quindici minuti di stretching

Con quattro sedute in settimana, tra allenamenti sul campo ed in palestra, può essere necessario ricorrere a integratori.

Anche in questo caso, la proposta va individualizzata e differenziata secondo i diversi periodi dell’anno, le abitudini alimentari del singolo, l’intolleranza verso determinati prodotti.


PER SAPERNE DI PIU' SU ALLENAMENTO
PER PROGRAMMI DI ALLENAMENTO PERSONALIZZATI CLICCA QUI