ARTICOLI - MEDICINA



AVVERTENZA - I contenuti degli articoli di questa sezione non hanno valore prescrittivo, ma solo informativo e culturale. Tutti i nostri consigli e suggerimenti vanno sempre sottoposti all'approvazione del proprio medico.


Quando gli ormoni ti tengono sveglia

Soffrite saltuariamente dell'insonnia? Il problema passa in pochi giorni e si ripresenta dopo quattro settimane? Secondo i risultati di un recente gruppo di studio condotto negli States, è emerso che circa il 36% delle mille donne analizzate, soffriva di problemi del sonno durante il periodo mestruale, specialmente nei primi due giorni. Sembra che gli sbalzi ormonali incidano sul sonno di alcune donne, più sensibili a questo tipo di cambiamenti di altre. La causa risiede nell'ormone chiamato Progesterone. Quando i livelli sono alti, come nel primo trimestre di gravidanza, le donne dormono bene. Quando i livelli si abbassano, il sonno può essere disturbato, quando i livelli si abbassano, il sonno può essere disturbato. Circa una settimana prima del periodo mestruale i livelli di progesterone si alzano mentre nei giorni immediatamente successivi, si
abbassano rapidamente ed i sintomi delle mestruazioni cominciano, compreso il disturbo del sonno. Quest'ultimo può presentarsi sotto forma di difficoltà ad addormentarsi, difficoltà a dormire a lungo, oppure a sentirsi stanche la mattina dopo sveglie. In situazioni normali si trascorre il 10-15% del sono nella fase R.E.M. (di sonno profondo), mentre le donne in periodo mestruale dormono profondamente solo il 5% del loro sonno. Gli esperti consigliano di ridurre al minimo lo stress e di fare esercizio regolarmente. Entrambe le cose, aiutano a ridurre sintomi come nervosismo, crampi e gonfiore che possono anche causare insonnia. Evitate poi alcol e caffeina e cercate di dormire parecchio nel periodo premestruale.


PER SAPERNE DI PIU'