ARTICOLI - MEDICINA



AVVERTENZA - I contenuti degli articoli di questa sezione non hanno valore prescrittivo, ma solo informativo e culturale. Tutti i nostri consigli e suggerimenti vanno sempre sottoposti all'approvazione del proprio medico.


Salute. Fumi? No grazie

Leggendo distrattamente alcuni periodici salutistici, alla ricerca d’informazioni pertinenti, mi è balzata agli occhi una curiosa notizia di un’agenzia inglese, la quale affermava, con una certa preoccupazione, l’aumento dei fumatori nel gentil sesso.
 
L’articolo, riprendeva i risultati di uno studio, commissionato dalle multinazionali del tabacco con l’intento di conoscere la tipologia del fumatore del ventunesimo secolo.
Alcune tabelle riportavano un grosso numero d’informazioni e confrontavano i risultati ottenuti, con quelli di una ricerca simile, condotta dieci anni prima.
 
Inaspettatamente si leggeva che, mentre il numero complessivo di persone con il vizio del fumo è in forte calo, causato da una drastica riduzione dei fumatori uomini, dall’altra parte, invece, era annotato come le donne seguano la tendenza opposta.
 
Eppure che fumare faccia male lo sanno tutti. Persino sopra i pacchetti di sigarette, le aziende produttrici, segnalano le pericolose conseguenze che tale pratica può causare al corpo umano.
È altresì vero che con il terrorismo si ottiene sovente l’effetto contrario a quello sperato. Le campagne contro l’AIDS, l’alcool, la droga, hanno dimostrato che alla fine la gente non ci crede. E lo stesso vale se si predica l’equazione fumo = tumore. Si possono dare tutte le statistiche di questo mondo, la reazione più scontata è che qualcuno si ricorderà del nonno morto a 100 anni fumando un sigaro al giorno.
 
In una società, più che mai edonistica, così attenta alla parte esteriore piuttosto che alla sostanza delle cose, vorace d’ogni facile soluzione con il fine ultimo di piacere, presentare il fumo come qualcosa fuori moda, una caduta di stile ed esaltare ad esempio idoli senza sigari o sigarette, potrebbe risultare una mossa vincente.
 
Senza tralasciare che “nuoce gravemente alla salute”, si evidenzieranno anche le responsabilità del fumo squisitamente più estetiche (varici, cellulite, ecc.)
 
Associare, alla graduale scomparsa di questo costoso ed antisociale vizio, una moderata attività sportiva, da praticare in compagnia di amici o da soli immersi nelle proprie idee e nel giro di poco tempo, il sangue, i polmoni ed il corpo tutto, manifesteranno la propria gratitudine.
 
In quel momento vi ricorderete che il fumo è la causa principe di alcuni fra i tumori più infidi e vivrete più contenti.


PER SAPERNE DI PIU'