GRANULOCITI (Globuli Bianchi o Leucociti - da Emocromo)

I granulociti si distinguono a loro volta in:
Granulociti neutrofili (dal 45 al 70% della quantità complessiva)
L’aumento dei neutrofili può avvenire per sforzi fisici, stress, Gravidanza, ciclo mestruale, infezioni batteriche, ustioni, emorragie, disturbi metabolici come il diabete, farmaci cortisonici, leucocemie.
La diminuzione dei neutrofili può avvenire per infezioni batteriche, virali e parassitose o per scarsa produzione degli elementi da parte del midollo; per aumento dell’attività di distruzione da parte della milza; per malattie autoimmuni.
Granulociti eosinofili (dal 1 al 5% della quantità complessiva)
Sono le particelle deputate al contrasto di alcune malattie allergiche (asma bronchiale, rinite allergica, orticaria...) e di parassitosi.
Aumentano, durante fenomeni allergici di qualsiasi natura e in fenomeni infezioni da alcuni tipi di parassiti e nel caso di autoimmunità. 
Diminuiscono in caso d’infezioni batteriche gravi.
Granulociti basofili (dallo 0 al 0,7% della quantità complessiva)
Sono le particelle deputate alla produzione delle immunoglobuline. Contengono istamina che, se liberata in eccesso nel sangue e nei tessuti, provoca sintomi fastidiosi (come il prurito) per combattere i quali si usano spesso farmaci (antistaminici).             
L’aumento dei basofili avviene in alcune malattie autoimmuni, nella malattia di Hodgkin per maggiore produzione delle immunoglobuline.
La diminuzione dei basofili si avvera per aumento della distruzione da parte della milza e nelle gravi immunodeficienze.

In collaborazione con: http://spazioinwind.libero.it/yorick

Globuli Bianchi o Leucociti | Chiudi finestra